Skip to main content
Digital Marketing

Google Ads: tutte le novità

Sono ancora in molti oggi a pensare che sia più vantaggioso lavorare solo sulla SEO, non solo in termini di costi. Si tende infatti o a “fare SEO” oppure a “fare Google ADS” separatamente. Non c’è cosa più sbagliata: la prima pagina di Google è forse l’unica cosa che accomuna i due mondi e saper sfruttare entrambi (soprattutto bilanciarli alla perfezione) in buone attività SEM, è il vero segreto per ottenere risultati concreti.

Nel 2020 è fondamentale per qualsiasi azienda tenere in considerazione Google Ads per avere maggiore visibilità, incrementare le vendite e ottenere lead. Tutti i business dovrebbero cogliere questa opportunità e includere Google Ads nella propria strategia di marketing digitale, soprattutto se si vuole rimanere competitivi sia a livello settoriale che a livello locale.

Utilizzi Google Ads? Stai pensando di iniziare? Così come accade spesso nel mondo digital rimanere costantemente aggiornati è assolutamente necessario. Anche Google Ads è uno strumento in continua evoluzione e per ottenere risultati reali, bisogna non solo conoscere a fondo la piattaforma ma soprattutto rimanere al passo dei continui aggiornamenti.

Negli ultimi mesi il sistema di annunci a pagamento nelle pagine di Google ha aggiunto una serie di funzionalità con l’obbiettivo di offrire agli inserzionisti la possibilità di creare campagne sempre più efficaci e mirate, ma anche tanti altri servizi e modifiche alle policy.

Scopriamo insieme le ultime novità relative al mondo di Google Ads.

 

1. Nuove opzioni nella campagna Shopping

Le abitudini d’acquisto dei consumatori sono profondamente cambiate soprattutto in questo periodo a causa della pandemia in atto. Gli acquisti online durante il lockdown sono notevolmente aumentati e il trend pare non fermarsi. Molti utenti infatti, piuttosto che recarsi nei negozi fisici continuano a favorire il mondo online per fare shopping.

Per rimanere al passo con le nuove tendenze, Big G ha migliorato Google Shopping. L’obiettivo? Fornire agli utenti la migliore esperienza d’acquisto possibile e agli inserzionisti la possibilità di incrementare le vendite.

Quali le principali novità? L’esperienza è stata completamente riprogettata, gli acquirenti potranno scoprire e confrontare numerosi prodotti da moltissimi negozi. Nella scheda Shopping l’home page degli utenti è del tutto personalizzata, potranno infatti filtrare i prodotti in base alle funzionalità che si desiderano e in base ai Brand preferiti, ma non solo potranno anche leggere le recensioni o visionare video sui prodotti stessi.

 

2. Raggiungere segmenti di pubblico predittivi in Google Ads

Forse la novità più importante per gli inserzionisti. Di cosa si tratta? Google introduce due nuove metriche predittive che consentiranno di raggiungere le persone con maggiori probabilità di acquisto e gli utenti che molto probabilmente non visiteranno più l’app o il sito web.

Google Analytics misura le azione che gli utenti intraprendo su un sito o su un app, dati fondamentali per prevedere i comportamenti futuri del pubblico. Con L’aggiunta delle due metriche è possibile quindi ottenere dei suggerimenti su segmenti di pubblico predittivi. Analizziamo però nel dettaglio le metriche in questione:

  • Purchase Probability (probabilità di acquisto) utile a prevedere la probabilità che i visitatori del sito o dell’app acquistino nei 7 giorni successivi alla visita.
  • Churn Probability (probabilità di abbandono) stima la probabilità che gli utenti attivi di recente non visitino il sito o l’app nei sette giorni successivi.

Quali sono i vantaggi delle funzioni predittive sull’audience? Primo fra tutti è intercettare più persone su larga scala che potrebbero effettuare una conversione. Altro vantaggio è sicuramente la possibilità di individuare chi probabilmente non visiterà più il sito o l’app e cercare così di incoraggiare questi utenti a farlo creando campagne di annunci mirate.

Una novità interessante non solo per creare la propria audience ma anche per analizzare i dati attraverso il modulo Analysis. In questo modo gli inserzionisti potranno ad esempio individuare quale campagna ha portato all’acquisizione di lead con elevata probabilità d’ acquisto concentrando così il budget da investire su quella campagna.

 

3. Annunci 3D

Arriva Swirl, il formato di annunci display interattivi in 3D disponibile per i clienti Display & Video 360. Grazie a questo formato gli utenti potranno vivere una vera e propria esperienza immersiva. Come? Entrando in contatto con un prodotto proprio come se lo avessero davanti. Il consumatore potrà infatti ruotare e zoomare l’annuncio. Gli inserzionisti invece sfruttando questo formato potranno aumentare la Brand Awareness, l’engagement e intercettare nuovi potenziali clienti.

Come creare una campagna? Gli inserzionisti dovranno caricare gli asset 3D su Google Web Designer o usufruire dei modelli completamente modificabili attraverso Poly, altro servizio offerto da Google.

 

4. Aggiornamento delle norme di policy

Per evitare il favoreggiamento di comportamenti scorretti, Big G decide di dare delle regole decisamente più restrittive sulla pubblicità per spyware e tecnologie di sorveglianza.

Bisogna dire addio ad alcune tipologie di annunci e in particolare quelli in cui si promuove e commercializza un prodotto o servizio il cui scopo è localizzare, monitorare una persona o la sua attività, senza il suo consenso.

Vietati quindi gli annunci che riguardano sistemi spyware e tecnologie come ad esempio quelle con cui si monitorano gli SMS e le chiamate o rilevatori GPS, ma anche quelli riguardanti la promozione di apparecchiature di sorveglianza commercializzate con uno scopo ben preciso ed esplicito: spiare.

Gli unici annunci che si salvano dalle restrizioni sono quelli relativi ai servizi di investigazione privata o prodotti e servizi rivolti ai genitori per monitorare i figli minorenni.

Google Ads è una piattaforma per il marketing e la pubblicità molto utile per ottenere lead e conversioni.

Tutte queste novità se da un lato aiuteranno gli inserzionisti a rendere gli annunci più efficaci e di conseguenza ad ottenere maggiori risultati, dall’altro contribuiranno a rendere l’esperienza dell’utente unica.

Tenere in considerazione gli ultimi aggiornamenti e inserirli all’interno della propria strategia sarà nel 2021 fondamentale per sfruttare a pieno le enormi opportunità che Google Ads dà alle aziende.

Potrebbe interessarti anche:

Filter

Marco B. - Digital Marketing Strategist & SEO Specialist

Marco B. - Digital Marketing Strategist & SEO Specialist

Esperto Digital Marketer, con 8+ anni di esperienza nel settore, predilige l'approccio analitico e data driven ed è fan di strategie innovative e complesse. SEO Specialist e Facebook Ads Expert si occupa delle strategie di Digital Marketing e del Project Management per Manthea.ch