Dalla strategia alla creazione dei contenuti, come un professionista dei Social Network può davvero fare la differenza nello sviluppo del tuo business. Essere presenti all’interno di Internet e soprattutto dei Social media è diventato imperativo per le aziende, dalla grande Multinazionale al parrucchiere sotto casa.

Social-Media-Marketing-Strategy - manthea lugano branded

Le possibilità create dal relativo risparmio dei costi della pubblicità, unito al ritorno d’immagine proveniente da una corretta esposizione delle proprie capacità (attraverso video, foto o qualsiasi altro mezzo) può diventare un punto focale per la crescita di un’attività. Immagina un piccolo negozio di abbigliamento nel centro città, inserito in un contesto con un’enorme concorrenza. Per emergere e “farsi un nome” non potrà affidarsi esclusivamente ai prodotti messi in vendita. Perché le sue firme, la qualità dei suoi vestiti e i prezzi concorrenziali vengano scoperti, dovrà farsi conoscere.

Il mondo del marketing e della pubblicità è molto cambiato rispetto al passato, i vecchi cartelloni in mezzo alla strada non attirano quanto un hashtag azzeccato o come un video di presentazione in grado di colpire il cliente. Proprio per questo è necessario che la scelta dell’oggetto della condivisione e il relativo sviluppo dello stesso non sia ad appannaggio delle convinzioni o dei luoghi comuni, ma dovrà seguire una precisa strategia in grado di generare risultati nei tempi prestabiliti e nelle modalità più congeniali all’azienda.

Per questo e per altri motivi, la gestione dei Social Network della tua azienda deve essere affidata a dei professionisti del settore.

Rapporto tra PMI e l’uso professionale dei Social

L’università milanese IULM, attraverso il proprio Osservatorio sui Social Media, nel 2015 ha condotto uno studio sulla presenza e sulle capacità delle aziende italiane nei Social Network. I risultati di questa ricerca, condotta su un campione di 720 aziende, divise nei 5 maggiori settori di attività (food & beverage, hotel, banca, moda e arredamento) ha mostrato come il 73% delle imprese dei vicini italiani utilizzino almeno un social network (con un aumento di circa il 10% rispetto allo scorso anno). Si sta ulteriormente diversificando, inoltre, il numero dei canali utilizzati, non più rinchiusi nel solo Facebook, ma con una buona apertura verso Twitter, Youtube, Linkedin (questi tre sono presenti in poco più del 50% delle aziende) e Instagram (in costante crescita, ma ancora vicino al 35%).

Non solo le grandi multinazionali, anche le PMI si stanno sviluppando e stanno raggiungendo le grandi aziende per l’utilizzo dei social network, diminuendo il divario tra le due (62%). E’ diventato ormai un dato di fatto che nel mercato mondiale dei nostri giorni, se un’azienda non è correttamente presente all’interno della rete, semplicemente è come se non esistesse.

Malgrado questo, le piccole medie imprese non sfruttano le potenzialità dei social. Forse per mancanza di fondi o per una non corretta informazione sulle possibilità che possono derivarne.

Viene dimenticato come un uso approssimativo delle principali piattaforme di social networking si traduca in un handicap per quanto riguarda l’interesse dell’utenza.

Proviamo a pensare ad un semplice esempio, come una possibile interazione con utenti cinesi. In questo stato i principali social network sono bannati e sostituiti dai maggiormente controllati Tudou e Ren Ren. Ovviamente, si tratta di un caso limite, ma per sviluppare correttamente il proprio business partendo da un punto focale come la comunicazione, è diventata imperativa un’ottima cultura digitale da parte di chi si occupa della gestione di questi canali.

Temi come il la Brand Identity, la creazione e la gestione di una propria community e la generazione di engagement costituiscono le fondamenta più importanti su cui costruire una efficace strategia di comunicazione che possa, un giorno, trasformarsi in possibilità di acquisto.

Altri punti di criticità riguardano due aspetti fondamentali: la generazione di contenuti di valore e il customer care.

Seppure l’utilizzo (o perlomeno il tentativo) sia in costante aumento, ciò che manca è il Social Caring, ossia la capacità di un’azienda di gestire al meglio il rapporto con i propri clienti rispondendo alle loro richieste. Difficilmente un post su Facebook o un tweet sarà in grado di generare un ritorno immediato, mentre se ci si dimostra attivi, efficienti e veloci nel trovare una soluzione ad un quesito si dimostra l’efficienza dell’azienda e le capacità che si possono offrire. Bisogna sempre tenere a mente che “un cliente soddisfatto lo dirà ad altri 2-3 amici. Un utente insoddisfatto lo farà sapere ad almeno 10 persone”.

Inoltre, le attività si fondano quasi esclusivamente sul corporate branding e sul social media marketing di prodotto, diventando di fatto una specie di autoproclamazione centrata sul brand, sui prodotti o sui servizi che si vogliono vendere. I social media, costituzionalmente, hanno una soglia di interesse legata ai contenuti molto corta. Per quanto riguarda gli spot televisivi, ad esempio, si nota il massimo del seguito nei primi 30 secondi con un crollo immediatamente successivo che si protrae fino al termine. Sui social network il tempo si riduce ulteriormente, tanto da generare la necessità di fornire anteprime in grado di colpire già nei primi secondi. Proprio per questo, il contenuto dei post deve generare interesse, essere al passo con i tempi soprattutto per quanto riguarda i top trends discussi dagli utenti.

In breve, il risultato dello studio dimostra come la quantità sia effettivamente in aumento, mentre non segue di pari passo la qualità dei contenuti, il fattore più importante per la riuscita della strategia di comunicazione.

Ma è possibile avere successo in un mercato a grande concorrenza? Si, con la giusta strategia!

Alcune aziende americane hanno deciso di provare a farsi notare utilizzando Twitter.

Il social media manager del Roger Smith Hotel di New York, come potete immaginare inserito nella città forse più competitiva del mondo, ha ideato un metodo per ricevere feedback “di peso” sulla qualità dei propri alloggi invitando alcuni giornalisti e blogger a pernottare nelle camere e lasciarne, immediatamente dopo, una recensione nei 140 caratteri di un tweet. Complice la qualità del servizio, il Roger Smith è salito alla ribalta, cavalcata alla perfezione continuando ad ampliare il proprio “parco canali del web”, utilizzandone alcuni per prenotare una stanza.

Anche le aziende “di nicchia” possono ottenere un funzionale ROI, pur non ottenendo una grande quantità di Followers. La Bradbury & Partners, azienda di recruiting per chi lavora nel settore mutui della città di Atlanta negli Stati Uniti, ha deciso di utilizzare un sistema di “domande e risposte” strettamente legato al proprio ambito lavorativo, diventandone un punto di riferimento. Utilizzando alcuni “trucchetti” quali hashtag, commenti e una regolare rubrica con divertenti vignette, è tra i maggiori esempi di PMI sviluppatasi positivamente utilizzando i social media.

_Manthea.ch | sviluppo progetti e startup in ticino

Prova la differenza con esperti specializzati

Manthea, il suo Team e la sua creatività è a tua completa disposizione per fornirti tutto il supporto tecnico e strategico personalizzato per utilizzare tutte le sue potenzialità dei Social Media adatti ai tuoi prodotti e al tuo settore.

I pacchetti disponibili sono quattro, ecco alcune funzionalità (ma non tutte) che le rendono speciali:

  • SUPER LIKE: è il servizio di partenza, che vi consente di entrare nel mondo del web con l’apertura e la gestione di 1 Social Network. Ci occuperemo della condivisione dei vostri contenuti con una collaborazione 50/50 sulla redazione degli stessi. (compreso uno speciale per promozioni o eventi) e delle campagne pubblicitarie a loro annesse, garantendo inoltre la risposta entro 2 ore per qualsiasi richiesta degli utenti.
  • PLUS: Partendo da Facebook, vi aiuteremo ad ampliare il vostro raggio d’azione garantendovi la presenza in un altro canale. I contenuti in condivisione diventeranno 6 a settimana con una ricerca, produzione e pubblicazione dei contenuti semi-autonoma, cercando per voi ricerche settoriali, pubblicazioni e news sul vostro mondo e sul vostro settore con tutta l’esperienza e tecnica dei nostri Social Media Marketer. Ci occuperemo della promozione di 3 campagne ADV su FB al mese, garantendo una risposta entro 1 ora per le domande degli utenti.
  • PROFESSIONAL: Per chi vuole passare seriamente all’attacco del mercato, sviluppando 3 canali social (Facebook fisso). In corso di definizione della strategia, diversificata a seconda del canale social di riferimento, verranno decise anche la quantità di post da pubblicare ogni giorno e saremo noi a fornire i contenuti grafici e le immagini per essere sempre più all’avanguardia. I contenuti speciali diventeranno 5, con una solida base strategica per quanto riguardi il target, la copertura e i like necessari alla buona riuscita. Ci occuperemo inoltre della creazione di un blog aziendale, garantendo 1 o 2 post a settimana. Saremo ancora più attenti alle richieste dei clienti, a cui risponderemo entro massimo mezzora.
  • PREMIUM: la copertura totale fornita da Manthea. Completo affiancamento e consulenza per creare una solida strategia funzionale e diversificata per ogni Social Media (cinque o sei) su cui si decida di investire. I contenuti saranno interamente forniti da noi, compresi anche BLOG AZIENDALE e Presentazioni In-Motion 2D. I post speciali e le campagne saranno circa 6 al mese, basati oltre alla strategia anche sull’Insights Marketing in grado di mostrare i dati reali delle interazioni degli utenti. Questi ultimi, inoltre, per qualsiasi domanda riceveranno risposta immediata, entro 15 minuti.

Vuoi scendere in campo nei Social Media partendo in attacco? Manthea ti fornirà i migliori professionisti per le tue esigenze.

Contattaci per ricevere informazioni o per richiedere un preventivo!

Manthea. Social, better.

Redazione Manthea

Redazione Manthea

Un Team composto da professionisti ed esperti del settore Digital Marketing. Condividiamo ed informiamo su un mondo sempre più complesso ed ampio, mettendo nero su bianco quelle che sono le nostre esperienze sul campo.