whatsapp marketing

“La messaggistica istantanea diventerà il mezzo di comunicazione principale per le interazioni tra clienti e aziende”.

E’ con queste parole che già tre anni fa Zuckerberg, in occasione della conferenza mondiale F8, aveva pronosticato quella che attualmente è diventata una tendenza.

Se fino a qualche anno fa le persone amavano condividere pubblicamente qualsiasi cosa attraverso i social network oggi c’è una maggiore riservatezza e i messaggi privati sembrano avere la meglio.

A conferma di quanto detto parlano chiari i dati emersi da un report di Bi Intelligence in cui si evidenza come le principali applicazioni di messaggistica hanno superato i social per numero di utenti attivi al mese.

E’ importante sottolineare come le applicazioni di instant messaging vengono utilizzate giornalmente dagli utenti non solo per le comunicazioni private ma anche per interagire con le aziende trasformando notevolmente quella che è la tradizionale comunicazione uno a molti in un interazione one to one.

Questo trend non può essere ignorato da marketing manager e imprenditori che devono essere bravi a cogliere le opportunità del nuovo che avanza.

Attualmente le app di messaggistica presenti sul mercato sono numerose, ma la più apprezzata e utilizzata in tutto il mondo è WhatsApp.

WhatsApp diffusa in 109 paesi, connette oltre 1,5 milardi di persone, registra quotidianamente la condivisione di 4,5 miliardi di foto, 1 miliardo di video e 80 milioni di gif.

Considerando la popolarità dell’applicazione e le abitudini di consumo digitale dei clienti integrare WhatsApp all’interno di una strategia di marketing può rivelarsi una mossa vincente.

 

1)  WhatsApp Business

Per agevolare la comunicazione tra piccole aziende e clienti, l’applicazione dal fumetto verde di casa Facebook, ha messo a disposizione la sua versione business.

WhatsApp Business, disponibile gratuitamente sia per iOS che per Android, si presenta del tutto simile all’app che utilizziamo quotidianamente per comunicare con i nostri contatti, a differenziarla sono alcune feature, quali: la possibilità di creare un profilo aziendale verificato, con tanto di informazioni, indirizzo mail, link al sito web e così via.

Una delle caratteristiche più utili della versione professionale di WhatsApp sono le risposte automatiche e i messaggi d’assenza che consentono di gestire al meglio il flusso di messaggi ricevuti sia quando l’azienda è operativa che nei giorni di chiusura o ferie.

Zuckerberg attualmente sta lavorando anche per i big brand con la sua Api di WhatsApp Business, una feature che permette di automatizzare i processi e di integrare WhatsApp con i software interni alle aziende come i CRM.

La versione business per le grandi aziende è attualmente un privilegio per 100 aziende tra cui nomi noti come Booking, Wish, Netflix, Uber, partner del programma di testing in corso.

Oggi WhatsApp può rivelarsi uno strumento utili per gestire il customer care, per assistere il cliente nella sua shopping experience, oppure ancora per prendere prenotazioni come ad esempio nel caso  di un ristorante, oppure essere un mezzo per dare libero sfogo alla creatività e coinvolgere gli utenti cosi come ha fatto Absolute. Analizziamo alcuni casi di successo da cui prendere spunto.

 

2) Absolute e il suo contest via chat per partecipare ad un party esclusivo

Il noto brand Absolute ha organizzato un contest via chat mettendo in palio i biglietti d’ingresso ad un party esclusivo in occasione del lancio della nuova serie Absolute Unique in Argentina.

Un party esclusivo dove solo due persone non vip avrebbero avuto accesso, come conquistarsi il biglietto?

Convincendo via WhatsApp Sven il buttafuori virtuale della festa.

Con questa iniziativa il brand ha raggiunto risultati eccellenti :600 contatti coinvolti, 3 giorni di chat ininterrotte e oltre 1.000 contenuti originali creati appositamente per Sven.

 

3) Informazioni in tempo reale via WhatsApp con Klook

Un altro esempio vincente che vale la pena citare è quello di Klook, la piattaforma asiatica che supporta i viaggiatori nel trovare la soluzione di viaggio migliore.

Il tour operator ha introdotto WhatsApp nella sua strategia di marketing per tenere aggiornati in real time i viaggiatori sulle proprie prenotazioni. Ha inoltre inserito WhatsApp nella sua applicazione mobile.

Il brand ha ottenuto risultati sorprendenti, con un incremento del 40% della customer retention e un aumento della customer satisfaction. Mentre per quanto riguarda i numeri raggiunti dal mobile, il brand ha potuto constatare come il 24% delle prenotazioni arrivasse proprio via chat.

Perchè Klook ha deciso di avvalersi della messaggistica istantanea per comunicare con i suoi clienti? Un motivo di certo determinante sta nel fatto che WhatsApp è estremamente popolare nel mercato asiatico, mercato di riferimento della società.

 

4) WhatsApp Marketing nel settore della ristorazione

Un’altra storia di successo arriva dal Messico, la protagonista è Carla Celaya nutrizionista che ha fatto dei frullati di cactus e spinaci un business. La giovane imprenditrice dopo aver operato per diversi anni come nutrizionista ha realizzato il suo sogno aprendo un ristorante in cui serve cibo fresco e salutare.

Il suo locale può ospitare fino a 16 coperti, ma il take away rappresenta l’80% della sua attività.

Nel febbraio 2019 ha iniziato a utilizzare l’app WhatsApp Business per rendere più fluido il processo di gestione degli ordini dei clienti e già a Marzo le vendite sono aumentate del 40% grazie alla versione professionale di WhatsApp.

Carla utilizzando la funzionalità delle risposte rapide di WhatsApp Business è riuscito ad ottimizzare i tempi di gestione delle richieste via chat, considerando che riceve fino a 80 richieste al giorno il risparmio è notevole.

Se stai pensando di integrare WhatsApp nella strategia digitale del tuo business e vuoi saperne di più puoi approfondire l’argomento con la guida:Whatsapp Marketing di Alessandra Gallucci

Whatsapp Marketing di Alessandra Gallucci 

 

Alessandra G.

Alessandra G.

Alessandra, consulente di web marketing e web editor, curiosa di natura, cacciatrice di novità e tendenze, Geek girl, ha sempre lo smartphone in mano. Svolge in ambito digital consulenze aziendali e formazione.

Leave a Reply